PERSONALITA' E CARISMA

Ancora in giovane età, Ottilia von Faber divenne la sola erede di un'azienda internazionale - un ruolo inusuale per una donna di quell'epoca. Ma Lothar evidentemente fece una scelta saggia.

Con la sua estroversa personalità ed il suo carattere forte Ottilia seppe creare un clima vivace sia nell'ambiente familiare che in quello lavorativo.

La stanza personale della Contessa nel castello che Alexander costruì includeva il suo salotto. Qui Ottilia si ritirava per leggere, suonare, o dedicarsi ad altri lavori creativi.

I pannelli di rivestimento erano per la maggior parte realizzati in costoso legno indiano "satin", conosciuto anche come legno "di limone" per la sua fragranza. Così fu nominata Lemon Room - la "stanza dei limoni".

Il clima intorno al 1900 era l'inizio di una nuova era, come un legame però sempre alla tradizione. L'innovazione tecnologica, "l'art nouveau" ed i primi segnali del design moderno preannunciavano una nuova tendenza. Allo stesso tempo, lo stile Impero neo-classico francese e anche il Biedermeier, rivivevano un nuovo slancio.

Queste tendenze dell'epoca sono chiaramente visibili nella Lemon Room del castello Faber-Castell, magistralmente realizzata da Bruno Paul. Architetto, artista e designer allo stesso tempo, ebbe successo più di qualsiasi altro nel combinare l'eleganza e la modernità. Uno dei suoi più famosi allievi fu Mies van der Rohe. Anche lo stilista Karl Lagerfeld é ancora oggi un suo estimatore.

RIFINITURE STRAORDINARIE

Per la loro esuberanza floreale, i designer della "fine del secolo" erano anche interessati all'astrattismo.

Un esempio è la trama "a spina di pesce", nella quale l'ispirazione alla natura e le linee rigorosamente geometriche si integrano l'un l'altra con armonia. Utilizzato principalmente per gli abiti eleganti e i pavimenti in parquet, questo motivo abbellisce anche il lavoro di intarsio in alcuni mobili, tra i quali la scrivania della Contessa Ottilia.

La Pen of The Year 2008 fa risaltare la raffinatezza di questa trama esclusiva: ruotando la penna i singoli listelli risplendono e generano effetti di colore con nuance differenti.

UN VERO CAPOLAVORO

Più un'idea è sofisticata, più si ha la voglia di realizzarla.

La filigrana della trama a spina di pesce della stilografica in legno limone è composta da non meno di 84 listelli rettangolari realizzati a mano singolarmente. I listelli sono tutti diversi tra loro: ognuno può essere adatto solo per una singola posizione sul fusto e abbinato ad un altro listello fino a creare un' unione perfetta.

Il fusto viene poi più volte lucidato e verniciato in un lungo processo di lavorazione. Il più piccolo parquet al mondo sulla superficie di una penna é un lavoro di estrema precisione.

Il rivestimento esterno del fusto è realizzato in legno Indiano Satin (legno di limone) selezionato con cura. Normalmente la trama del parquet richiede una superficie piana. Grazie però ad una speciale tecnica si è riusciti a dare al legno una forma cilindrica.

PRESENTAZIONE DI ALTA QUALITA'

La Pen of The Year 2008

La Pen of The Year 2008 viene presentata in un esclusivo cofanetto di legno con una brochure illustrativa ed un certificato di garanzia.

Il certificato porta la firma del Conte von Faber-Castell ed attesta sia l'autenticità del legno di limone finemente selezionato sia l'edizione limitata.

UNO STILE D'ESPRESSIONE 

L'elaborato lavoro artigianale ed i singoli tasselli in legno rendono ogni Pen of The Year 2008 un'opera d'arte unica. Il pennino in oro 18 carati bicolore rifinito a mano è diponibile nelle larghezze di tratto F, M e B. La capsula finale platinum-plated é collegata al meccanismo a stantuffo per caricare la penna d'inchiostro. Ogni singola penna é numerata.

Un ulteriore dettaglio di prestigio è la solida clip a molla in metallo. Questo capolavoro è impreziosito da una gemma di pietra preziosa sfaccettata a scacchiera - un quarzo citrino - inserito nella parte finale della penna.

Tiratura: 2.000 esemplari